Turismo Celle Ligure
il Portale Turistico

SPORT E OUTDOOR

Sport e outdoor

Il clima mite in ogni stagione, le numerose strutture sportive e le molte associazioni del territorio fanno di Celle un luogo privilegiato per lo sport e le attività di outdoor.

Celle Ligure vanta una grande tradizione ciclistica: qui è nato Gepin Olmo, uno dei più grandi ciclisti degli anni Trenta e fondatore della famosa fabbrica di biciclette, che a Celle ha ancora la sede.

Il Comune di Celle è dotato di un moderno stadio, situato in località Natta, dedicato proprio a Giuseppe Olmo: il complesso sportivo polivalente è costituito da un campo da calcio a undici, da pista e pedane per l’atletica leggera ed è dotato di apposito locale adibito a sala di muscolazione.

Adiacente allo stadio sorge un impianto da calcio a sei in terra battuta, recentemente ultimato. Sempre nella stessa zona, si trova anche il palazzetto dello sport, che può ospitare cinquecento spettatori circa ed è attrezzato per gli allenamenti di varie discipline sportive, tra cui basket, volley e pattinaggio. La superficie di gioco è 45×25 ed è dotato anch'esso di sala di muscolazione. Nelle immediate vicinanze dell’impianto si sviluppano percorsi nel verde, ideali per la pratica del fondo e del mezzofondo.

 

Gli amanti dello sport e della natura possono trovare, inoltre, una fitta rete di itinerari escursionistici, percorribili a piedi, in mountain bike e a cavallo.

Sul crinale che dalla frazione Sanda porta a Pecorile, fino alla cima di torre Bregalla (dove nel passato sorgeva una torre di avvistamento detta di Cardemei), l'Associazione Volontari di Protezione Civile “Tonino Mordeglia” ha realizzato un sentiero botanico, attrezzato con alcune panchine per la sosta e con cartelli illustrativi delle diverse varietà botaniche che formano la macchia mediterranea. Questo sentiero è entrato a far parte del progetto Sentiero Liguria, un itinerario turistico-escursionistico che collega Luni (in provincia di la Spezia) con Grimaldi (in provincia di Imperia), percorribile in entrambi i sensi con uno sviluppo di oltre 600 km all’insegna dell’armonia dei contrasti, tra vigneti e boschi di leccio, lidi e scogliere, percorsi della devozione e antiche strade romane, “creuze” e sentieri.
 

La tratta numero 16 collega Varazze ad Albisola: dalla passeggiata di Varazze si risale l’entroterra, si imbocca il percorso che arriva alle pendici del Bric delle Forche e poi si percorre il sentiero botanico di Sanda e da qui il crinale che separa Celle Ligure e Albisola Superiore, a cui si arriva con una piacevole discesa.

Lasciando l'entroterra e ritornando sulla costa, il mare e la spiaggia permettono la pratica di beach volley, vela e windsurf, di canoa e pesca sportiva, oltre ad essere fonte di scoperte sorprendenti per gli appassionati di sport subacquei.

Lungo la costa di Celle sono presenti, infatti, praterie di posidonia oceanica, riconosciute come Sito di Interesse Comunitario (SIC). La posidonia è l'unica pianta erbacea che si è adattata a vivere sui fondali marini e forma delle praterie sottomarine sul fondo sabbioso, ricche di vita animale: queste praterie ospitano, infatti, batteri, alghe incrostanti ed altre specie, che sono il cibo per polpi, seppie, gamberi e pesci. Non bisogna dimenticare che tutta la costa ligure fa parte del Santuario Pelagos, un'area marina specialmente protetta di interesse mediterraneo istituita nel 1999, che si trova nel territorio italiano (ne fanno parte le regioni Liguria, Toscana e Sardegna), francese e monegasco.

Durante la stagione estiva vengono organizzate delle escursioni in battello di avvistamento che hanno lo scopo di conoscere le otto specie di mammiferi marini (balenottera, capodoglio, delfino, globicefalo, grampo, stenella, tursiope, zifio) che abitano l'area.

Per finire, il porticciolo di Celle, situato in località Cravieu, offre servizio di alaggio e custodia natanti, mentre sulle alture si può trovare un attrezzato centro ippico. Tra gli impianti sportivi, da segnalare anche campi da tennis, da calcio a 7 e 5 giocatori e il bocciodromo comunale. I Comuni limitrofi, appartenenti alla Riviera del Beigua, arricchiscono l’offerta, grazie a campi da golf e piscine e alla possibilità di praticare altre attività sportive, dal surf da onda all'arrampicata, dal boulder al downhill. Merita una visita anche il Parco Naturale Regionale del Beigua, da poco patrimonio dell'Unesco: più di ottomila ettari tra le province di Savona e Genova, che offrono ambienti incontaminati, scenari e panorami mozzafiato, praterie e zone umide, fitte foreste di faggi, roveri e castagni, rupi scoscese, biodiversità da tutelare e una fitta rete escursionistica che si sviluppa per circa 500 km e che comprende anche un tratto dell'Alta Via dei Monti Liguri.